Posti da visitare

Musei di Stato

 

Palazzo Pubblico: Inaugurato nel 1894 dall’illustre Giosuè Carducci, è il centro della vita politica Sammarinese. Quando il Consiglio non è riunito è possibile visitare il suo interno, la sala adibita alle sedute del Parlamento ospita un meraviglioso affresco dell’artista romano Emilio Retrosi. Durante il periodo estivo è possibile assistere al “cambio della guardia”, la Compagnia d'Artiglieria presta invece servizio nelle cerimonie e nelle festività nazionali. telefono: 0549 883152

 

Museo di Stato:Situato all’interno di Palazzo Pergami, raccoglie testimonianze archeologiche ed artistiche legate alla storia e alla leggenda della Repubblica di San Marino. Il museo si divide in quattro piani ognuno dei quali racconta un preciso campo artistico o storico: archeologia Sammarinese, arte nella Repubblica, arte di donazione ed archeologia di donazione e numismatica.  telefono: 0549 883835

 

Prima Torre:Conosciuta anche come Guaita, la cui parola nel dialetto locale significa “fare la guardia” è la maggiore nonché la più antica delle tre torri che dominano San Marino. Conobbe la sua massima importanza nel XV secolo durante la guerra contro i Malatesta di Rimini (1463), l’ultima combattuta dai Sammarinesi come alleati dei duchi di Urbino e del Papato. Adibito ufficialmente a sede della Guardia di Rocca nel 1754, fu per secoli destinato a carcere, fino al 1975.

Tel. 0549 882670

 

Seconda Torre:Sorge sulla vetta più alta del Monte Titano (750m s.l.m) sui resti di un fortilizio di epoca romana ed offre un panorama ineguagliabile. Nel 1320 fu dotata di un altro muro e da una serie di fortificazioni che costituiscono la seconda cinta difensiva della città. Sebbene sia stata più volte oggetto di restauri, presenta ancora l'aspetto che contraddistingue le torri medievali con tanto di caditoie e balestriere. È sede del Museo delle Armi Antiche di San Marino dal 1956, dove sono esposti circa 700 esemplari di armi appartenenti a diverse tipologie ed epoche di realizzazione.

 

Terza Torre:Detta anche “Il Montale” era un fortilizio staccato dalle altre due rocche e fu collegato ad esse nel 1320 da una possente muraglia, di cui sono ancora visibili alcune tracce e rivestì una grande importanza nelle lotte contro i Malatesta che possedevano il vicino castello di Fiorentino. Al contrario delle altre due torri, non è accessibile al pubblico ma merita comunque di essere visitata per il suggestivo panorama che può offrire ai visitatori.

 

Museo di San Francesco:è situato all'interno del chiostro dell'omonima chiesa, eretta nel 1361 dai Maestri Comacini. Il Museo è stato inaugurato nel 1966 e vanta un'importante collezione di affreschi e dipinti realizzati tra il XV ed il XVIII secolo. La collezione comprende anche arredi sacri, vesti e paramenti usati anticamente dai monaci del Convento di San Francesco.

 

Museo dell’Emigrante:situato in alcune sale dell'Antico Monastero di Santa Chiara, conserva la memoria storica dell'emigrazione sammarinese. Un viaggio attraverso testi, immagini e documenti originali per rivivere non solo l'atmosfera e le emozioni del vissuto migratorio sammarinese ma anche per ricostruire le storie familiari dell'emigrazione attraverso gli archivi informatici.

 

Museo di storia naturale: Nasce con lo scopo di contribuire alla diffusione della cultura naturalistico-ambientale ed offre la possibilità di conoscere gli ambienti naturali, la fauna, la flora, la geologia e la paleontologia del territorio sammarinese. Le varie sezioni espositive comprendono una ricca collezione di uccelli europei, mammiferi, rettili, anfibi, pesci e molto altro. Con la propria attività didattica di supporto alle scuole e di divulgazione pubblica fornisce consulenze scientifiche in campo naturalistico-ambientale, ed offre svariate seguenti proposte: dalle visite guidate alle escursioni guidate negli ambienti naturali.

 

Museo del Violino & Casa della Musica: Il Museo del Violino nasce come tributo al grande liutaio sammarinese Marino Capicchioni ed è con la Casa della Musica l'unico Museo che offre l'opportunità di vedere, toccare, sentire, capire la musica e i suoi strumenti.

Un percorso guidato passo dopo passo ti accompagna in quella meravigliosa realtà che trasforma un pezzo di legno in un violino, svelandoti un mistero che da 400 anni stupisce e ammalia il mondo. Il segreto di Stradivari, di Amati, di Guarneri, la magia del legno che diventa musica. Un luogo dove non solo avere l'occasione di incontrare grandi musicisti e di poter parlare loro per apprendere i mille segreti della musica e dove poterli vedere provare uno strumento per valutarne il suono, ma anche ricevere Master Class Specialistiche di altissimo livello e dove poter partecipare a incontri che in molti casi rimarranno storici nel mondo della musica classica e moderna.  

 

 

Monumenti

 

Basilica del Santo: Costruita all´inizio del XIX secolo sulle fondamenta della preesistente Pieve Romanica. Ricca di statue e quadri pregevoli. La statua di San Marino è opera di Adamo Tadolini, allievo prediletto del Canova; l´altare maggiore contiene l´urna con le reliquie del Santo.

 

Chiesetta di San Pietro:La tradizione attribuisce la fondazione di questa piccola chiesa, dalle pareti trasudanti storia, al Santo Marino. Nell´abside, in un'atmosfera suggestiva, sono visibili due giacigli ricavati nella pietra, luogo in cui, secondo la tradizione, riposavano Marino e Leo. Si narra inoltre che tali giacigli abbiano proprietà taumaturgiche. Nella cripta degna di nota è l´immagine di San Marino con l´orso, rilievo in pietra di Romeo Balsimelli. L'interno della Chiesetta è visibile dall'esterno attraverso il portone aperto durante i mesi estivi. E' possibile una visita all'interno su richiesta al custode della Basilica.

 

Galleria Montale e Treno Storico: La ferrovia elettrica Rimini–San Marino fu inaugurata il 12 giugno 1932. La linea ferroviaria, un vero capolavoro di ingegneria a scartamento ridotto, ha collegato tra il 1932 e il 1944 la città di Rimini con il centro storico di San Marino. Il treno impegnava circa un’ora a percorrere i 32 km di binario. Durante la Seconda Guerra Mondiale, nel periodo del passaggio del fronte, con l’approssimarsi degli alleati alla Linea Gotica le gallerie diedero riparo a migliaia di rifugiati che cercavano la salvezza nel territorio della piccola e neutrale Repubblica. La ferrovia ha cessato di funzionare dopo il bombardamento aereo del 26 giugno 1944. Una piccola parte del tracciato, 800 metri in territorio sammarinese, è stata ripristinata nel 2012. L’elettromotrice "AB-03", restaurata dopo 68 anni di inattività, è visibile all'ingresso della Galleria Montale. scavata nella roccia viva del Titano, il cui portale è stato disegnato dall'architetto Quattrucci da Roma.

 

Trasporto Pubblico:

Funivia di San Marino

 

Filatelia e numismatica

Azienda Autonoma di Stato Filatelica e Numismatica.

L’azienda propone un servizio di vendita on-line al sito www.aasfn.sm.

Contrada del Collegio, 38 - 47890 San Marino - Repubblica di San Marino

Tel. 0549 882353

info.ufn@pa.sm   -   www.aasfn.sm

Orario apertura:

lunedì e giovedì: 8.15-13.30 / 14.15-17.30

martedì, mercoledì e venerdì: 8.15 - 13.45

sabato, domenica e festivi: chiuso